Classifica: i 10 video di arrampicata più visti del 2017

 

Siamo nel 2018, mi dicono, e come d’uso è tempo di bilanci e buoni propositi. Quale tiro o blocco non ho liberato nel 2017? Mi sto allenando abbastanza per il viaggio a Siurana del 13 gennaio? (Risposta: no). Quale dieta dovrò adottare per perdere quei due famosi chili in più e guadagnare mezzo grado? Quali sono i miei progetti per il 2018? Eh lo so, sono domande per lo più senza risposta e che fanno tremare le vene dei polsi, soprattutto quelle degli arrampicatori, questi “eterni irresponsabili” (cit.). 

Per alleviare il senso di ansia che ci attanaglia tutti, soprattutto quelli di voi già alle prese con le rotture di scatole del lavoro, abbiamo pensato di stilare una classifica dei video di arrampicata più visti del 2017, così per sognare un po’ e staccare (di nuovo) la spina. Quindi eccoli qua. Rullo di tamburi e si va a cominciare:

 

Numero 10: Charles Albert sale Moneky Wedding 8C a piedi nudi

 

 

Charles Albert è uno scalatore francese molto attivo a Fontainebleau, dove ha salito diversi blocchi duri, tra cui Gecko Assis 8B+ (in salita e discesa) e La Révolutionnaire, per il quale ha proposto il grado di 8C+. Quello che lo differenzia da noi comuni mortali è che Charles scala senza scarpette, anche se qualche vecchio bleausard potrebbe anche dire che in questo modo c’est plus facile …

In questo video lo vediamo alle prese con Monkey Wedding 8C in Sud Africa, ovviamente scalzo e per lo sconforto dello sponsor di turno.

 

Numero 9: Choss and Lions, Cedar Wright e Alex Honnold in Kenya

Alex Honnold, Cedar Wright, e Maury Birdwell vanno in Kenya per salire la parete del Monte Poi, cercando di evitare, per quanto possibile, roccia marcia, animali selvatici e dissolutezza generale. Rinfrancante.

Leggi anche:
Alex Honnold, FREE SOLO. L'intervista

 

Numero 8: Pamela Shanti Pack sale una fessura offwidht a Moab: The Kill Artist

 

Per ben cinque anni la biondissima nonché audace Pamela ha provato a salire The Kill Artist, una fessura offwidht di cinque tiri a Longs Canyon, Moab. In questo video affronta il Mental Block, il passo chiave del secondo tiro, così chiamato per la presenza di un enorme blocco staccato. Il passaggio è un “fuori misura” a testa in giù con incastro di gamba sopra la testa. Da provare assolutamente. 😮

 

Numero 7: il taglio della corda e la caduta a terra di Michele Caminati sullo spigolo di The Elder Statesman

 

 

Il 27 marzo 2017 Michele Caminati ha liberato lo spigolo di The Elder Statesman 7a. Il giorno dopo, tornato per fare le foto, ha cercato di ripetere la via con una corda singola. La caduta sul passo chiave, ben al di sopra dell’ultima protezione, ha provocato il taglio della corda a causa dello sfregamento sul bordo dello spigolo. Nella conseguente caduta a terra Michele ha riportato la frattura del polso e della caviglia. Nel video il momento dell’incidente con taglio della corda. Secondo Caminati l’uso di due mezze corde avrebbe potuto essere di aiuto anche, se non è certo che queste avrebbero evitato l’incidente. Per la cronaca la leggenda dice che Steve McClure liberò la via usando tre mezze corde. “Abbundandis in abundandum”, avrebbe detto Totò.

Numero 6: Margo Hayes libera La Rambla, 9a+

A fine febbraio 2017 Margo Hayes ha liberato La Rambla 9a+ a Siurana. Questo video è il trailer del film completo, incluso nel Reel Rock Tour 2017. Brava Margo! Pur se acclamato dalla stampa – soprattutto americana – come “primo 9a+ femminile”, ci si dimentica che ben dodici anni fa, nel 2005, Josune Bereziartu liberò Bimbaluna a St. Loup in Svizzera, che all’epoca era gradata 9a+. La via fu in seguito sgradata a 9a/+, allo stesso modo di La Rambla che, per molti è appunto 9a/+. Quindi ci sentiamo di assegnare questa sesta posizione ad ex-aequo a Margo e a Josune, per lo meno come riconoscimento alla carriera di quest’ultima.

Leggi anche:
Arrampicata: i 100 motivi (e passa)

Numero 5: Honnsolo, il primo zaino da freesolo della Black Diamond

Il primo zaino totalmente concepito per proteggere l’arrampicatore durante le salite in Free Solo e senza corda. Un prodotto rivoluzionario, che purtroppo funziona solo in alcuni giorni dell’anno. La scena del test finale su arrampicatore-volontario-molto-poco-famoso è stata purtroppo tagliata.

Numero 4: stacca un televisore da 150 chili. Illeso (o quasi)

A fine luglio 2017 Brian Koralewski si stava godendo il pomeriggio su un blocco V6 a Little Rock Canyon, Utah. “Ero prima salito a segnare tutte le prese e già ci avevo fatto diversi giri. Non mi ero per niente accorto che quel pezzo di roccia stesse per staccarsi”. Mentre stava per ribaltarsi sul top, un grosso blocco di circa 150 chili si è staccato portandosi dietro l’arrampicatore: rottura della tibia e parziale distacco del tendine. Poteva andar peggio, ma anche meglio. Maggiori particolari sul blog di Brian.

 

Numero 3: fa cadere una cascata di ghiaccio ma si salva (per botta di culo)

Da notare che l’enorme stalattite di ghiaccio non si spezza nel punto in cui ci saremmo aspettati. Su questo terreno (terreno?) le sorprese non mancano mai. E comunque menomale che ci sono gli spit.

Leggi anche:
Fight or Flight, trucchi e segreti. Il 9b passo dopo passo

Numero 2: anteprima della salita di Alex Honnold di Freerider

Sono passati sei mesi, ma resta probabilmente la notizia che più ci ha colpiti: la salita slegato da parte di Alex Honnold di Freerider, una via di 7c su El Capitan in Yosemite. In questo breve spezzone vediamo Alex alle prese con il diedro del ventiseiesimo tiro. Sono solo pochi minuti ma non vediamo l’ora che Jimmy Chin / National Geographic rilascino il documentario completo.

 

Numero 1 (and the winner is): come salire (anzi scendere) dalle montagne in stile Bollywood 

 

Con quasi seicentomila visualizzazioni questo regista di Bollywood ha fatto centro e la cinematografia indiana rappresenta ormai una minaccia molto seria ad altri film culto del genere arrampica-cade-ma-si-salva tipo Verical Limit e/o Cliffhanger. Ci permetteremmo di far notare all’attore (il sempre ottimo Ajay Devgn) che la sua imbragatura è messa al contrario, ma lui sembra avere comunque tutto sotto controllo.

 

Per finire menzione speciale della giuria a:

 

Mmh, sì lo so, non è del 2017, e non è arrampicata. Ma ogni volta che lo vedo mi chiedo se per caso su quella fessura ci passi una via oppure no.

Buon 2018 a tutti!

Classifica: i 10 video di arrampicata più visti del 2017 ultima modifica: 2018-01-03T16:10:28+00:00 da Redazione
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Newsletter Livellozero
La nostra newsletter è gratuita. Breve. Interessante e colorata. Qualche volta persino divertente. Quelli che si iscrivono sono più di che quelli che si cancellano. Il che vorrà dire qualcosa.
Vai Tranquillo
Iscriviti alla Newsletter

Log in with your credentials

Forgot your details?