Tommy-Caldwell above Texas-Flake_nose-record

Honnold / Caldwell: nuovo record sul Nose: 2:01:50

Ieri 4 giugno 2018 i due arrampicatori statunitensi Alex Honnold e Tommy Caldwell hanno ulteriormente frantumato il loro record precendente di 2 ore 10 minuti e 15 secondi sul Nose, stabilendo un nuovo incredibile primato con il tempo pazzesco di 2 ore 1 minuto e 50 secondi, vale a dire 9 minuti e 25 secondi in meno rispetto al loro record precedente.

Il che significa una media di 3,8 minuti per ognuna delle 32 lunghezze della via o, in altri termini, significa salire/correre in verticale per due ore filate all’assurda velocità media di 7.5 metri al minuto! Mi fa quasi venir voglia di andare da Decathlon per vedere se si prendono indietro almeno parte della mia attrezzatura di arrampicata.

Alex Honnold sul Nose. Photo Brett Lowell

Alex Honnold sulle lunghezze sommitali del Nose. Short-fixing subito sotto di lui. Photo Brett Lowell

Sfortunatamente” ha dichiarato Honnold a Men’s Journalla corda si è impigliata poco prima della fine e Tommy ha dovuto calarsi di qualche metro per sbrogliarla. Penso che lì abbiamo perso qualche minuto, ma è stato un buon progresso rispetto al tentativo precedente” ha concluso Alex, lasciando intendere che i due intendono fare altri tentativi nel corso dei prossimi giorni per cercare di abbattere il muro delle 2 ore, che adesso sembra essere sempre più vicino.

Da ricordare che la prima salita del Nose richiese originariamente 45 giorni, spalmati nell’arco di 18 mesi, dal luglio 1957 al novembre 1958. La prima ripetizione fu del 1960 in 7 giorni di arrampicata. Solo quindici anni dopo, nel 1975, si ebbe la prima ripetizione in giornata. Attualmente una cordata trascorre mediamente 3 o 4 giorni in parete per portare a termine la salita.

Leggi anche:
Quel giorno su Coryphene - Calanques

La salita in velocità del Nose è una tradizione molto consolidata in Yosemite, ed è stata lungamente praticata da alpinisti di punta, inclusi i fratelli Huber che nel 2007 completarono la via in 2:45:45.

Caldwell ed Honnold, come di solito avviene durante i record di salita in velocità, hanno arrampicato di conserva (simul-climbing) e non in libera, azzerando le difficoltà ovunque fosse possibile. Nessuno dei due componenti della cordata fa sicura al compagno. La sicurezza è data dalle poche protezioni intermedie che il capocordata mette salendo o dal cosiddetto short-fixing, che consiste nell’annodare ad una sosta intermedia la corda che scende verso il compagno di cordata, per permettere al primo di proseguire per la lunghezza successiva senza dover necessariamente aspettare l’arrivo del secondo in sosta. Il secondo di cordata si muove quindi in autonomia e risale sulla corda fissa con le maniglie Jumar, togliendo le eventuali protezioni intermedie.

La tecnica non è esente da potenziali rischi di caduta e morte, come avvenuto proprio in questi giorni ad un’altra cordata sull’adiacente via Salathè (vedi articolo con il racconto dei testimoni dell’incidente). In questo bel video di Youtube vediamo cosa avviene in parete durante un tentativo speed (video della salita di Brad Gobright e Jim Reynolds che arrampicano di conserva durante il loro precedente record di 2:19:40. Da notare il lasco da paura che ha Brad mentre prosegue nell’arrampicata dopo aver rinviato la sosta (!).

 

 

43 anni di record sul Nose:

30/05/2018: Tommy Caldwell, Alex Honnold in 2:10:15
21/10/2017: Jim Reynolds, Brad Gobright in 2:19:44
17/06/2012: Hans Florine, Alex Honnold in 2:23:46
10/10/2017: Jim Reynolds, Brad Gobright in 2:34:30
06/11/2010: Dean Potter, Sean Leary in 2:36:45
12/10/2008: Hans Florine, Yuji Hirayama in 2:37:05
02/07/2008: Hans Florine, Yuji Hirayama in 2:43:33
08/10/2007: Alexander and Thomas Huber in 2:45:45
04/10/2007: Alexander and Thomas Huber in 2:48:30
29/09/2002: Hans Florine, Yuji Hirayama in 2:48:55
11/2001: Dean Potter, Timmy O’Neill in 3:24:20
10/2001: Hans Florine, Jim Herson in 3:57:27
10/2001: Dean Potter, Timmy O’Neill in 3:59:35
1992: Hans Florine, Peter Croft in 4:22:00
1991: Peter Croft, Dave Schultz in 4:48:00
1991: Hans Florine, Andres Puhvel in 6:01:00
1990: Peter Croft, Dave Schultz in 6:40:00
1990: Hans Florine, Steve Schneider in 8:06:00
1986: John Bachar, Peter Croft in 10:05:00
1984: Duncan Critchley, Romain Vogler in 9:30:00
1975: Jim Bridwell, John Long, Billy Westbay in 17:45:0

Leggi anche:
Fight or Flight, trucchi e segreti. Il 9b passo dopo passo
Honnold – Caldwell: nuovo record sul Nose: 2:01:50 ultima modifica: 2018-06-05T14:16:10+00:00 da Redazione
2 Commenti
  1. […] La coppia di scalatori aveva lungamente lavorato la via nelle ultime settimane al fine di ottimizzare la salita nel miglior modo possibile. I precedenti 8 tentativi avevano fatto scattare il cronometro attorno alle 2 ore e 30 minuti. Honnold ha dichiarato a Climbing Magazine di essere soddisfatto dell’impresa ma ha anche detto che “non tutto è stato perfetto al 100%. Pensiamo che ci sia ancora un margine di miglioramento” lasciando intendere che i due scalatori abbiano piani più ambiziosi. “Aver fatto il record è una cosa eccezionale, ma c’è sempre quel pungolo elementare che ti spinge a voler tentare di abbattere la barriera delle due ore, un po’ come succede per la maratona“. E’ quindi probabile che i due ritornino sul Nose nei prossimi giorni per un ulteriore tentativo. “Ogni salita che facciamo va sempre un po’ meglio rispetto a quella precedente. Vale quindi sicuramente la pena di provare a fare qualche altro tentativo” ha dichiarato Caldwell. [edit: il 4 giugno la coppia ha ulteriormente abbassato il record a 2:01:50]. […]

  2. […] precedente salita di Brad Gobright e Jim Reynolds: 2 ore 10 minuti e 15 secondi il 30 maggio e 2 ore 1 minuto e 50 secondi il 4 di giugno. Il tempo di oggi stabilisce un miglioramento totale di 21 minuti e 37 secondi […]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Newsletter Livellozero
La nostra newsletter è gratuita. Breve. Interessante e colorata. Qualche volta persino divertente. Quelli che si iscrivono sono più di che quelli che si cancellano. Il che vorrà dire qualcosa.
Vai Tranquillo
Iscriviti alla Newsletter

Accedi con le tue credenziali

Hai dimenticato le tue credenziali?