alice hafer nomade arrampicata

Vita da nomade. Arrampicata senza confini, di Alice Hafer

Sei del mattino. Riesco a intravedere il rosa soffice dell’alba tra le palpebre socchiuse. Non mi serve la sveglia. Passo le giornate a sfiancare il corpo (e la mente), il che mi manda a letto presto. Prendo il notebook da sotto il cuscino. Il caffè fuma nella tazza ed io sono una nomade dell’arrampicata al lavoro.

Negli ultimi 15 mesi sono sempre stata in giro ad arrampicare, lavorando on the road. Certe persone prendono nota dei mesi che ancora mancano alla fine del mutuo, altre conteggiano l’età dei figli, altre ancora il numero di anni della macchina che guidano. Io tengo invece il conto del tempo che passo in movimento, senza dimora ed in transito.

Io sono il mio ufficio. Il notebook è la la mia casa. Io lavoro.

Dondolandomi gentilmente sull’amaca, erba umida che sfiora le dita dei piedi, cani che abbaiano in lontananza ed aria fresca della Bulgaria che entra ed esce dai polmoni.

Oppure seduta su un crashpad posato sopra la sabbia rossa del Sud Africa. Attacco il telefono alla presa di corrente sul retro della reception del campeggio e mi collego al wi-fi. Il notebook si spegne, sta facendo buio e io mi sposto. Aspetto davanti al fuoco che le batterie si ricarichino nell’unica presa di corrente disponibile. Gli altri arrampicatori preparano la cena sul braai (* una specie di barbecue africano n.d.t.). Mi trasferisco sul divano sporco, molto amato dai cani. Scrivo e sistemo le foto mentre scende la notte.

 

Leggi anche:
Alex Honnold, FREE SOLO. L'intervista

 

Mi hanno affibbiato svariati epiteti: nomade, zingara, stracciona e dirt-bag; parole che restano sospese con un retrogusto amaro. Oppure domande tipo: Dove sei? Cosa stai facendo? Ma adesso vivi lì? Da dove vieni? Dove vivi? Col tempo le risposte hanno perso di significato. Mentre mi muovo da un posto all’altro, il luogo da cui provengo è solo un’idea, un ricordo sempre meno importante ed alla fine inutile. Le persone hanno sempre bisogno di qualcosa a cui aggrapparsi.

A quelli che hanno un lavoro dalle 9 alle 5 la mia vita sembra una vacanza. Ma dietro le belle foto c’è lo stress, il caos, l’inevitabile ansia dell’ignoto. Fare programmi è impossibile. Ho deciso di abbandonare i comfort molto tempo fa, dal momento che la vita è comunque imponderabile.

Niente Internet, essere costretti ad andare dovunque a piedi, dover guadare fiumi per trovare il segnale del telefono, aspettare ore che i negozi o le librerie aprano, perdere treni, perdere aerei, salire sugli alberi per trovare il segnale wifi, batterie che si scaricano, bagaglio troppo pesante, infortuni, soldi. Dover sempre trasportare tutto ciò che possiedi. Non sapere dove dormirai. Non sapere come farai ad arrivare da qualsiasi parte. Imparare a lasciarsi tutto alle spalle. I sacrifici sono grandi ma forse così è la ricompensa.

Quando vivi in campeggio è persino difficile riuscire ad avere del tempo libero. Ti alzi presto, cammini fino all’Internet, rispondi alle email di lavoro, vai ad arrampicare, torni indietro, lavori un altro po’, prepari la cena, ri-cammini fino all’Internet, lavori per qualche ora, fai due chiacchere con gli amici e poi ti butti a dormire.

Leggi anche:
Arrampicata: i 100 motivi (e passa)

 

 

Sono seduta davanti al fuoco a chiaccherare con un altro arrampicatore. In genere gli argomenti sono sempre gli stessi: le imprese della giornata e i programmi per la mattina successiva. Ma non questa volta. La sua testa è abbassata ed indifferente. Si guarda le mani. “La caviglia mi fa male” dice, e sospira. “A me fa male tutto” rispondo. I quasi sette giorni filati di arrampicata si fanno sentire. Lui continua a guardare il fuoco, assente. Indulgere ai piaceri della vita può essere faticoso.

La mente umana è un abisso di sogni, speranze e pensieri. In ogni momento pensiamo o desideriamo qualcosa. Cambiamo in continuazione. Più a lungo viaggio più facilmente riesco a percepire i cambiamenti, e vedo come la mia mente passi davanti alla meraviglia e si fermi a riposare con l’ombra dell’insoddisfazione che già si solleva.

Stai vivendo il tuo sogno” mi dicono. Anche se le giornate trascorrono in bellezza, piene di vita e di emozioni, mi accorgo che la vita stessa è semplicemente diventata qualcosa di più grande. Ogni momento è affollato di sostanza e di significato. Essere svegliati dai rintocchi del campanile, attraversare strette vie acciottolate, salutare il macellaio dietro al bancone. Comprare verdura fresca dal contadino e verificare gli orari di apertura di ogni negozio, per evitare di arrivare proprio durante la siesta.

Per gli estranei è una vacanza. Per il nomade è la normalità. Lo stimolo di qualcosa di nuovo. Anche se poi ogni nuovo scenario, sebbene ancora ricco di delizie, si trasformi in noia. Poi un giorno un pensiero quasi mistico appare: vedi la bellezza per come è in realtà, non avvolta da pensieri di “casa“. La bellezza è la vita. Il sogno è la vita. Una vita piena di meraviglie, si, ma anche di sfide, ferite, dolore e molto altro.

Leggi anche:
Le Bateau Ivre e Andrea D'Addazio (video)

Alice Hafer

originariamente apparso su theprojectmagazine.com. Seguite Alice e i suoi viaggi su Instagram e Facebook

alice hafer nomade arrampicata

Alice Hafer, Rocklands. Ph @bernie_theron

Vita da nomade ultima modifica: 2018-06-14T23:51:40+00:00 da wp_8016302
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Newsletter Livellozero
La nostra newsletter è gratuita. Breve. Interessante e colorata. Qualche volta persino divertente. Quelli che si iscrivono sono più di che quelli che si cancellano. Il che vorrà dire qualcosa.
Vai Tranquillo
Iscriviti alla Newsletter

Log in with your credentials

Forgot your details?